Va al Rugby Riviera lo scontro al vertice del playoff


foto di Stefano Savini

 

Non è bastato un gran cuore al Venjulia Rugby Trieste per avere la meglio sulla capolista Riviera. Al termine di una partita molto equilibrata ed emozionante i veneti portano a casa la vittoria con il risultato di 33 a 30.

La formazione di casa però, in virtù della conquista dei bonus offensivo (quattro mete realizzate) e di quello difensivo ( scarto minore ai 7 punti) aggiunge alla sua classifica due punti nonostante la sconfitta, punti che permettono al Venjulia di rimanere a ridosso delle prime della classe.

Inizia la partita e Trieste prova subito un calcio di punizione da distanza proibitiva. La direzione è corretta ma la potenza scarseggia ed il pallone arriva corto. Un minuto più tardi, complice una distrazione della difesa triestina, il Riviera marca la sua prima meta portando il punteggio sul 7 a 0.

La reazione del Venjulia non si fa attendere e nel giro di 10 minuti ribalta il risultato prima con un calcio di punizione e poi con una meta di Iachelini.

La formazione del duo Metz/Pribaz allunga ulteriormente con una meta di Bencich e gli ospiti rimangono a galla solo grazie alla grande classe dell'apertura Pavin che non solo realizza tutti i calci di punizione avvicinando la sua squadra sul 15 a 13 ma soprattutto con il suo gioco al piede che rasenta la perfezione.

Una grande azione di Iachelini e Bencich strappa un fragoroso applauso al numeroso pubblico presente e sull'onda dell'entusiasmo Trieste va in meta con Esposito sfruttando anche la superiorità numerica in seguito ad un cartellino giallo permil Riviera.

Il primo tempo quindi si chiude sul 20 a 13 in favore dei padroni di casa.

Nel secondo tempo l'inerzia sembra passare nelle mani di Riviera e dopo la realizzazione di un calcio di punizione da parte di Trieste, i veneti salgono in cattedra realizzando prima una meta e, poi un calcio di punizione impattando sul 23 pari.

Alcune evidenti sviste arbitrali innervosiscono Trieste e il flanker triestino Savi, dopo aver subito più di un placcaggio alto, si vede punito con un cartellino giallo che lascia il Venjulia in 14. Il Riviera ne approfitta per marcare una meta e passare per la prima volta in vantaggio ma tre minuti dopo una meta di capitan Sponza riporta la situazione in parità. A dieci minuti dal termine il 'solito' Pavin centra i pali con un calcio di punizione e nonostante svariati tentativi il Venjulia non riesce a trovare la meta del sorprasso. Ci va molto vicino Iachelini che viene fermato da un placcaggio alto punito dall'arbitro che incredibilmente però non estrae nessun cartellino per sanzionare un gesto così pericoloso. Due minuti più tardi una maul avanzante arriva a pochi metri dalla meta ma viene fermata dalla formazione veneta che poi, in pieno recupero, arriva in attacco e prova a conquistare la quarta meta per assicurarsi il punto di bonus e togliere quello difensivo a Trieste.

Con grande orgoglio i triestini difendono con le unghie il risultato e tengono alta una meta veneta facendo terminare la partita sul 33 a 30 per Riviera.

Nonostante la sconfitta il Venjulia rimane a ridosso della capolista Riviera e di Belluno. Il prossimo importante appuntamento, domenica prossima a Padova, in casa dell'inseguitrice Valsugana.

FORMAZIONE: Primieri, Esposito, Piattelli, Pettirosso, Russo, Savi, Sponza, Zubin, Fassina, Miccoli, Iachelini, Ghersini, Chittaro, Paris, Bencich.

A DISPOSIZIONE: Viola, Di Bert, Marchesi, Parrini, Defrancesco, Benevoli, Orso.

MAN OF THE MATCH: Luca Savi